Post

A LEZIONE DI STILE: Sile "classico"

Immagine
Lo stile classico nasce tra la Francia e la Russia, paesi con profonde radici architettoniche classiche e neoclassiche. E’ lo stile per eccellenza, quello intramontabile che non passa mai di moda.  Simbolo di eleganza e lusso, ricordano le ricche abitazioni signorili e nobili di una volta. La praticità e la funzionalità non appartengono a questo stile, a esaltarne il fascino è la bellezza autentica del mobilio spesso di antiquariato. Non a caso chi opta per questo stile sono persone che appartengono ad un certo status social, legati alle tradizioni del passato con la passione del mobile di un tempo.  Nel momento in cui si decide di realizzare un progetto di questo tipo, bisogna saper bilanciare con attenzione e cura ogni dettaglio per donare equilibrio a ogni ambiente valorizzandone l’aspetto estetico. Pexel max-vakhtbvych L’architettura gioca un grandissimo ruolo in questo tipo di arredamento, perché finestre grandi, camini antichi, boiserie e modanature sono la base da cui partire. V

A LEZIONE DI STILE: Stile "glamour"

Immagine
Lo stile glamour ha da sempre esercitato un particolare interesse, poiché è sinonimo di eleganza , lusso ed esclusività. Non a caso il significato del termine è propriamente fascino. Tale definizione si riferisce al saper abbinare gli arredi in modo tale che nell’insieme creino un’ambiente accattivante in grado di affascinare. Lo stile glamour ha origine dal giusto connubio tra stile classico e stile contemporaneo. Il glam è espressione di uno stile sobrio e raffinato che punta su finiture scintillanti e superfici vellutate e damascate. Per seguire un perfetto stile glamour è necessario la giusta palette colori che si basa principalmente su colorazioni neutre. Che vanno dal bianco al nero, dal grigio all’avorio e dal beige al crema . Per poi perdersi in tocchi accesi come il viola, il porpora, il blu e petrolio. Anche l’oro e l’argento non possono assolutamente mancare. home-gbbdf5fcbc_1920 Il mobilio in generale deve risultare originale, declinando le scelte in pezzi da collezione e

A LEZIONE DI STILE: Stile "Industrial"

Immagine
Lo stile industriale nasce a New York negli anni 50 , quando nel dopoguerra si avvertì la necessità di trovare nuove abitazioni nel più breve tempo possibile. Quindi si pensò al recupero e al riuso di spazi dismessi che in precedenza erano utilizzati per ospitare fabbriche, uffici e centri direzionali. Da allora, migliaia di vecchi depositi e magazzini sono stati recuperati e utilizzati come abitazioni, rivendicando la bellezza delle fabbriche. È poi arrivato alla notorietà grazie ai film americani e alle serie tv ambientati in questi spazi, e con l’affermarsi della Pop Art capeggiata da Andy Warhol e la sua Factory . Ad oggi questo stile è molto apprezzato per le sue caratteristiche versatili e moderne per cui è molto richiesto. Un ambiente industriale è costituito da uno spazio aperto nel quale, data l’assenza di partizioni interne presenta la struttura portante a vista fatta da pilastri in cemento armato, o, ancora più frequentemente, da colonnine in ghisa. Sono dei locali molto a

A LEZIONE DI STILE: Stile "Shabby Chic"

Immagine
  “Il comfort, la bellezza dell’imperfezione, il fascino degli oggetti rovinati dal tempo uniti al piacere di una vita semplice e pratica. Questi sono i fondamenti di ciò che oggi conosciamo come lo stile Shabby Chic”. E’ con questo pensiero che Rachel Ashwell sua ideatrice ne descrive l’essenza. La sua idea fu quella di riprendere e rielaborare elementi di più stili e di coniugarli insieme in modo armonioso attraverso pennellate di colore. Nel 1980 questi abbinamenti furono descritti nella rivista “The World of Interior” e fu così che lo shabby chic si presentò ufficialmente al mondo diffondendosi dapprima negli Stati Uniti e poi ovunque. E’ uno stile vissuto ma al contempo elegante e raffinato. Non a caso il significato del suo nome è “Elegante trasandato” .  Lo stile shabby chic è caratterizzato da mobili eleganti, dalle forme classiche e intarsiate ricchi di fregi e bugni. Il legno utilizzato è un legno non nobile verniciato con tinte chiare, opache e gessose con un effetto decapat

CAMERA DA LETTO "Art Déco Style"

Immagine
Lo stile Art Déco (dal francese “ arte decorativa ”). E' una tendenza decorativa che apparve per la prima volta in Francia negli anni ’20 e raggiunse il suo apice in tutto il mondo negli anni 1930-1940. Il termine Art Déco è stato dato vita da una mostra tenutasi a Parigi nel 1925 con il titolo Exposition Internationale des Art Décoratifs et Industriels Modernes (Esposizione internazionale di arti decorative e industriali contemporanee). Il potere decorativo, il glamour e il lusso sono i punti salienti di questo stile. Uno standard che negli anni ’20 era rappresentato dagli interni di hotel di prima classe, ristoranti costosi e altri luoghi pubblici di tutto rispetto. Le caratteristiche principali degli interni in stile art decò possono essere: linee rette e a zig zag, strisce, ornamenti basati su forme geometriche semplici (triangoli, quadrati, rombi, anelli e cerchi). Colori vivaci e contrastanti che si basano su una combinazione di bianco e nero, nero e oro, wengé e bordeaux

RESTYLING DI UN SOGGIORNO...Prima e dopo

Immagine
Il restyling di questo soggiorno mi è stato commissionato da una veterana signora che abita in un piccolo rudere situato nella campagna ebolitana. Per questo progetto ho scelto di utilizzare tessuti colorati e a fantasie floreali ecco perchè ho deciso di chiamarlo "Living Floreale" .     Il soggiorno in questione è stato arredato qualche anno fa, pertanto la committenza ha fatto richiesta di riutilizzare gli arredi esistenti. La mia idea progettuale è stata quella di valorizzare le finestre dalle dimensioni ridottissime. Le ho poi trasformate in grandi vetrate scorrevoli, così da poter godere di una splendida vista sul giardino. Render Anna Venere Gli arredi che sono stati tenuti del vecchio soggiorno sono: Il divano , i cuscini , la lampada da terra , la cassettiera e il coffee table. Al contrario gli arredi inseriti sono: I tendaggi , il pouf , il quadro , la lampada , lo specchio , i lampadari , il tappeto e la consolle tv . Per dare funzionalità allo spa

MARK MITCHELL E LA " HUG LAMP "

Immagine
In questo periodo, così particolare sopraffatto dall’emergenza pandemica che ci ha isolati in casa, ha influito negativamente in svariati settori. Una realtà che ha toccato per alcuni versi anche il campo del design. Ma è dalla necessità di restare a casa che il modo di percepire lo spazio abitativo è cambiato. Divenendo elemento di ispirazione per la creatività di progettisti e designer che ora basano i loro concept in funzione delle nuove abitudini quotidiane e su ciò che questa situazione ha provocato sul loro stato emozionale. Proprio in virtù della pandemia che nasce la lampada HUG di Mark Mitckell . Un oggetto composto da due figure scultoree ricoperte da una pelliccia sintetica che si illuminano quando entrano in contatto grazie a dei sensori posti al loro interno. Tradotto dall’inglese Hug significa abbraccio: è questo il pensiero che il giovane designer vuole enfatizzare. Un messaggio di felicità che induca speranza e che aiuti a ritrovare l’energia per superare questo period