L' INDUSTRIAL DESIGN...

 



Il termine Industrial Design deriva dall’inglese e significa letteralmente disegno industriale. Tale espressione si riferisce alla progettazione di tutti quegli oggetti che coniugano insieme sia la funzione estetica sia quella funzionale-tecnologica. La nascita dell’industrial design si ha intorno al XIX secolo con l’avvento dell’industrializzazione e dal bisogno di sviluppare prodotti non solo tecnologici e funzionali ma anche esteticamente belli. Particolarmente significative appaiono, sul piano della sua evoluzione l’influenza delle Arts & Crafts in Gran Bretagna e del Bauhaus in Germania. Durante questo periodo furono tanti gli oggetti realizzati con questi canoni ma in particolare ricordiamo:


Realizzato in metallo argentato è costituito da una struttura tubolare montata su un telaio ad arco che poggia su quattro piedi a forma a sfera. Su di esso si alzano sette montanti per lato saldati insieme attraverso piccole barre orizzontali e sfere più piccole.
Questo permette di frazionare lo spazio e creare gli alloggiamenti per le fette di pane tostato. Osservandolo si ha l’impressione di un piccolo scaffale modulare dalla forma estremamente attuale pur risalendo a circa 100 anni fa.
Christopher Dresser fu considerato il ’’Padre del design industriale’’ per via delle sue progettazioni  utilitaristiche e sia per l’utilizzo dell’ argento che della placca elettrolitica. Attraverso le sue creazioni innovative e versatili è stato capace di anticipare a tendenze future.



E’ il simbolo del design italiano nel mondo. Fu ideata da Vico Magistretti nel 1965, ha vinto poi il premio Compasso d’Oro due anni dopo nel 1967. Si tratta di una lampada da tavolo, a luce diretta o diffusa, ma concepita anche per l'installazione a parete. La sua forma è molto semplice, una composizione di tre semisfere: base, calotta esterna fissa e calotta interna mobile. 
Il paralume interno infatti può ruotare, lasciando a vista l’intera fonte luminosa o coprendola progressivamente come accade, appunto, nell’eclissi di sole o di luna. E’ ancora tuttora in produzione in diverse colorazioni, bianca, rossa e arancione. Eclisse fa parte della collezione permanente dei più importanti Musei del design, tra cui il MoMa di New York e il Triennale Design Museum di Milano.

Ricordo che per visionare gli oggetti in questione basta👆cliccare sul link in giallo.

Lascia pure un commento






Commenti